Marmellata di ciliege

Chi non ne è goloso alzi la mano!! Si sa che a tutti piacciono e in estate è una delle marmellate che amo di più preparare. E’ l’ideale per farcire dolci o solo per essere spalmata sul pane (magari con un velo di burro) a colazione o per uno spuntinoa merenda. I mesi ideali per preparare questa dolce conserva è sicuramente maggio e giugno quando, le ciliegie, raggiungono la loro massima maturazione e sono particolarmente dolci. Per prepararle ci vuole, però, pazienza visto che le ciliegie devono essere tutte snocciolate e prive del loro picciolo e il mio consiglio per non ritrovarsi con le mani tinte di violetto è di usare dei guanti sottili. Ecco dunque gli ….

Ingredienti:
2 kg di ciliege, 850 gr. zucchero (meglio se di canna), succo di mezzo limone tolti i semi, 2 cucchiai di liquore tipo cherry, 1/2 mela senza buccia e un pizzico di cannella

Preparazione:
Innanzitutto scegliete delle ciliegie belle e sode, lavatele accuratamente, eliminate il picciolo e il nocciolo (ricordatevi di usare dei guanti per preservare le mai dalla colorazione). Unitele lo zucchero e versate il tutto in una pentola antiaderente unite anche gli altri ingredienti e lasciate riposare 1 oretta circa. Fate poi cuocere a fuoco bassissimo mescolando continuamente. Dopo circa 40 minuti controllate, prendete un cucchiano del composto e versatelo su di un piattino tenuto al freddo in frigor ,se scivola facilmente rimanendo compatta la marmellata è pronta, altrimenti continuate la cottura. Quando sarà pronta versatela in vasetti di vetro sterilizzati, tappate e lasciateli a testa in giù per circa 2/3 ore. Quando si saranno raffreddati conservateli in un luogo fresco, asciutto e, preferibilmente, al buio. Ricordate che una volta aperto il vasetto è da conservare in frigorifero.

marmellata di ciliegia

Le mie Marmellate di…….

Kiwi nostrani

Ingredienti: 1 kg di kiwi, 500 g di zucchero di canna ( o normale), il succo di 2 limoni e 1/2 mela.

Preparazione: Sbucciate i kiwi, affettateli e metteteli in una pentola , meglio se dal doppio fondo, mescolandoli con lo zucchero di canna, la mela e il succo dei limoni. Fate cuocere a fuoco lento mescolando sempre. Quando lo zucchero si è ben disciolto, aumentate la fiamma e fate cuocere fino a quando la marmellata si è gelificata. Sarà pronta circa dopo un ora, quando una goccia sul piattino, fatto precedentemente raffreddare in frigorifero, si solidificherà e non scivolerà via. (Io a volte passo anche con il minipimer per sminizzarla al massimo, ma non è sempre necessario). Versatela subito nei vasettti perfettamente puliti.
Chiudeteli subito con la confettura ancora calda e se pensate di consumarli in breve tempo basterà capovolgerli e farli raffreddare, altrimenti per maggior sicurezza sterilizzateli con la bollitura per 15 min., al tremine fateli raffreddare e conservateli in luogo asciutto e buio fino al momento dell’uso. Oltre che buona la confettura di kiwi è un concentrato di vitamina c e potrebbe essere un’ottima merenda anche per i bimbi che con la frutta non vanno molto d’accordo…!

Fichi

Ingredienti: 1 Kg di fichi meglio se nostrani e ben maturi, 400/450 gr di zucchero, la scorza di un limone gratuggiata, 1/2 mela, 1/2 bicchierino di brandy (o rum).
Preparazione: Lavare sotto l’acqua corrente i fichi ed eliminare i piccioli senza pelarli. Tagliarli a spicchi e poi versarli in una casseruola alta possibilmente antiaderente con un doppio fondo. Lavare attentamente il limone e asciugarlo. Aggiungere lo zucchero, la 1/2 mela e la buccia di limone grattugiata. Far cuocere mescolando frequentemente, portando a ebollizione. Quindi, versare il liquore scelto, abbassare il fuoco e cuocere per circa 20 minuti, a fine cottura a piacere passare il minipimer per rendere il composto una vellutata! Lavare e asciugare perfettamente i vasi di vetro. Versare la confettura nei vasi a chiusura ermetica. Portare a ebollizione dell’acqua in una casseruola bassa, sistemarvi i vasi in piedi, perfettamente chiusi (meglio se avvolti in un panno), ma non sommersi dall’acqua. Sterilizzare facendo sobbollire l’acqua per 15 minuti. Quando si sono raffreddati completamente toglierli e sbizzarritevi con la confezione!!!

Uva fragola

Ingredienti: 2 kg di acini d’uva fragola (uva americana), 800 gr di zucchero semolato, 1 mela, succo di 1/2 limone, buccia di un limone grattuggiato non trattato, 1 cucchiaino di cannella, 1 bicchierino piccolo di vino bianco secco e 4 chiodi di garofano
Preparazione: Staccate con pazienza gli acini dai raspi e lavateli con acqua corrente, fateli sgocciolaremettendoli su un canovaccio o in un colapasta, trasferiteli in una pentola capiente preferibilmente antiaderente con doppio fondo, aggiungete tutti gli altri ingredienti. Lasciare macerare un paio d’ore e poi accendere il fuoco a fiamma bassa , far cuocere fino a che gli acini si siano disfati completamente e poi passate man mano il preparato in una passaverdura per separare le bucce dal succo edalla polpa. Terminata questa operazione con la quale trasferirete il composto in un’altra pentola, procedete ancora con la cottura per circa mezz’ora finchè tutto non si sia rappreso e abbia raggiunto la consistenza giusta. (Prova del piattino freddo!). Invasate la marmellata ancora calda e sterilizzate i vasetti facendoli bollire in acqua per 15 min e poi trasferiteli capovolti per farli raffreddare su un canovaccio. Vi garantisco è una delle marmellate più buone che piacerà soprattutto a chi ama l’uva fragola e un consiglio è di provarla con qualche formaggio tipo pecorino o formaggi saporiti….!

uvafragolina

Vasetti a go go!!!

Una volta pronti i vasetti delle marmellatine il lavoro non finisce qui, infatti io amo “vestirli” con stoffe ritagliate o ricamate e con nastrini vari, abbinandoci anche un’ etichetta in cartoncino. Eccone un esempio….questi sono dei vasettini di marmellate che ho preparato nei vari mesi dell’anno e ogni frutto è stato scelto in base alla stagione… che vi garantisco non sono stati molto a lungo in dispensa perchè ne sono molto golosa…e non solo io!!!

I Biscotti di “Amos”

Non sono buoni… di più, questi biscotti ripieni di cioccolato e amaretti sono una golosità irresistibile, questa che vi propongo è una vecchia ricetta di mia suocera che a sua volta ha ereditato da un caro vecchio amico di Fiorenzuola d’Arda e sia chiama “Amos”. Sono facili da preparare e la base è tipo pasta frolla morbida e lievitata. Con le dosi che vi indico in questa ricetta si realizzano circa una sessantina di biscotti…
Ingredienti per l’impasto:
500 gr di farina bianca “00” (+ quella necessaria per stendere la pasta circa 50 gr.), 4 uova, 130 gr di burro, 1/3 di bicchiere di latte 200 gr zucchero,scorza di un limone , un pizzico di cannella, 1 bustina di lievito per dolci, 1 bustina di vanillina.
Ingredienti per il ripieno: 200 gr di amaretti quelli friabili, 60 gr di cacao amaro, 100 gr di cioccolato fondente, 300 gr di
marmellata di albicocche.
Procedimento: Unire la farina con lo zucchero disponendoli a fontana e aggiungere al centro gli altri ingredienti dell’impasto di cui il burro deve essere fuso; impastare il tutto e formarne una palla, lasciarla riposare e nel frattempo preparare il ripieno. In una marmitta sminuzzare gli amaretti, unire il cacao e poi il cioccolato fuso (utilizzare il pentolino del burro in modo che non appiccichi), aggiungere la marmellata e mescolare
amalgamando piano piano gli ingredienti. Stendere con il mattarello la pasta su una spianatoia prendendone una prima parte e una volta raggiunta l’altezza di 3 mm circa tagliare dei cerchi utilizzando un bicchiere capovolto o una tazzina , i cerchi devono avere un diametro di circa 8/9 cm, poi con un cucchiaino da caffè distribuire su ciascun cerchio il ripieno (vedi foto). Chiudere “a raviolo” ciascun biscotto e dargli una forma di mezza luna, disporli su una teglia con carta da forno e farli cuocere in forno a 200 °C per 10 min. per ogni lato. Una volta raffreddati cospargerli di zucchero a velo. Conservandoli in una scatola di latta….si possono consumare e gustare anche dopo una settimana o più…se resistete!