Coniglietti ciccietti…nei loro sacchetti

Un cartamodello, un pezzetto di stoffa fantasia, un pò di feltro, ago e filo e via…ci si mette alla macchina da cucire, si dà forma a zampette, testa e orecchie e con un pò di imbottitura per bambole e sassolini per il peso sul fondo…ecco nascere loro i coniglietti ciccietti che accompagnano cioccolatini e ovetti per portare a chi li riceve Tanti Auguri di Buona Pasqua !!!

Le calze con il “panno” della nonna

La mia  befana quest’anno era in cerca di qualcosa di vecchio, ma autenticamente vecchio e cerca e ricerca ecco che in montagna a casa della nonna cercando in una cassapanca di legno ho trovato una stoffa di panno a quadrettini e appena l’ho vista così vecchia, scura e “brutta” mi ha ispirato tutte le calzine che in questi giorni ho preparato per esser poi riempite dalla vecchina e consegnate con tanto amore a tutti i bimbi…speriamo le bastino!!!

Dalla base di stoffa scura ho ritagliato varie forme e grandezze di calzine, con punta tonda o appuntita e con degli avanzi di feltro e pannolenci ho dato la forma per le toppe della punta , del tacco e della parte in alto. Con punto festone e tanta fantasia ho rifinito le varie calzine, ma qualunque cosa abbiate da utilizzare da fili , a pezzettini di stoffa o panno, a ritagli vari e corda o nastrini potete usarli e farne una diversa dall’altra che sono le più originali e più belle….buon lavoro…”befane”!    Arrivederci con la Befana al prossimo anno con nuove idee!!!

 

Paperette a volontà”!!!

Le mie paperette in stoffa le ho quasi scambiate per delle ciliege, una tira l’altra e la fantasia mi travolge spingendomi a farne.. una dopo l’altra!!!! Cucendole mi sono divertita, anche se visto il tempo che manca sempre è stato un pò impegnativo,…ma con buona volontà e recuperando della stoffa in fantasie assortite soprattutto con diegni piccoli e in tinte pastello, il risultato è stato davvero soddisfacente!! Eccovi alcune poche indicazioni: partendo dalla stoffa (15 x 30 cm per il corpo messa doppia e 8 x 13 cm per le zampette messa doppia..) si procede riportando il cartamodello su carta velina e cucendolo quasi completamente, lasciando aperto un paio di cm per poterle rigirare e imbottirle. In base alla vostra fantasia potete scegliere se fissare all’interno un bastoncino tipo spiedino e poi cucire e incollare le zampette oppure se chiuderle e completarle con altre cose tipo sacchettino porta ovetti o cuscinetto imbottito che fa da “nido”! Per il resto della confezione,  dalla rafia colorata al filo di raso o alle altre rifi niture date spazio alla vostra fantasia e magari fatene una diversa dall’altra!!!

Eccole le mie paperette …
Primo passo …il  cartamodello….

paperette1

si passa poi all’assemblaggio dopo aver imbottito bene con imbottitura sintetica tipo “Poffy” per cuscini, bambole etc.

paperette2

e poi eccole le tre sorelline paperette al fresco del giardino…dopo aver rifinito con rafia colorata e paglietta di legno che fa da nido..

Ci  sono anche loro……..

La paperetta a pois nasconde nel suo sacchettino gli ovetti di cioccolato…. e li custodisce con cura!!!!     ……e le loro amiche che arrivano una ad una…..

 

 

Chiudi pacco o addobbi per l’albero

Cuoricini, stelle e mini cuscini in stoffa, imbottiti di ovatta sono pronti per attaccarsi ad un alberello e renderlo magicamente unico, oppure possono essere usati come chiudi pacco natalizi per personalizzare anche il dono più semplice. Per realizzarli potete usare degli avanzi di stoffa natalizia anche di varie fantasie. Ognuno è un pezzo unico, ricamato a punto croce o rifinito con i pizzi veri della nonna, quelli che avevo proprio troivato in soffitta, ma anche stelline e cuscinetti in miniatura!!! Eccovi la gamma completa che ho intenzione di continuare …magari per il prossimo Natale!!!

Feltro che passione

Lavorare il feltro può diventare una vera mania….ed è proprio quello che capitato a me quando ho iniziato a fare alcuni lavori con questo tipo di stoffa, ho scoperto un mondo infinito …..infatti la sua versatilità, la sua morbidezza e la facilità di lavorazione ne fanno uno strumento unico per la creazione di tantissimi lavoretti davvero deliziosi. Le mie prime creazioni sono stati i gufetti ai quali sono particolarmente affezionata, che trovate nella pagina del cucito, ma successivamente ho realizzato dei portatovaglioli che vi proporrò in questa pagina. Prima volevo parlarvi un pò di questo materiale per conoscerlo meglio e amarlo ancora di più !!! Il feltro è una stoffa che viene realizzata in pelo animale e più precisamente viene prodotto con l’infeltrimento delle fibre. Comunemente è realizzato con lana cardata di pecora e si caratterizza anche per essere caldo, leggero,ed impermeabile. Le fibre vengono bagnate con acqua calda, intrise di sapone e manipolate (battute, sfregate, pressate) fino ad ottenerne, con processi meccanici e chimici, l’infeltrimento e successivamente la colorazione desiderata. Una curiosità trovata su internet….
l panno lenci è un tipo di feltro molto morbido, sottile e allegramente colorato brevettato dalla ditta Lenci (acronimo di “Ludes Est Nobis Costanter Industria”) di Torino nel 1922 per confezionare le omonime bambole, è ancora in commercio per piccoli lavori di hobbystica.

Provate ad utilizzarlo e me ne darete ragione…

segnaposto-tavola

Sacchettini per una Prima Comunione

Ecco le foto di alcuni passaggi per la confezione dei sacchettini di stoffa che una volta finiti hanno dimensioni 12 cm di altezza e 8 cm di larghezza, ma le dimensioni potete variarle in base al vostro gusto e alle esigenze….e naturalmente sbizzarrirvi con la fantasia della stoffa unendo anche due stoffe differenti e inoltre coordinare dei nastrini…Buon lavoro!

e ora il risultato finale….